Q&A con Wassim Sacre, nuovo Chief Revenue Officer di SlimPay

Pubblicato : 25 Novembre 2020

Q&A con Wassim Sacre, nuovo Chief Revenue Officer di SlimPay

Siamo lieti di dare il benvenuto a Wassim Sacre, il primo Chief Revenue Officer (CRO) di SlimPay. Quest’anno, Wassim è entrato a far parte del team dirigenziale e del consiglio di amministrazione con l’intento di accelerare la nostra strategia commerciale e di go-to-market.

Nell’ambito del suo ruolo di CRO, Wassim si occupa di gestire le nuove iniziative di sviluppo aziendale e partnership a livello internazionale. È responsabile della generazione di entrate in relazione a processi che spaziano dal marketing alle partnership, passando per lo sviluppo commerciale, le vendite e l’account management. 

Abituato a ricoprire ruoli dirigenziali in contesti internazionali e forte di competenze maturate nel campo degli investimenti, Wassim apporta a SlimPay decenni di esperienza nella creazione di team dirigenziali altamente performanti, ma anche nell’elaborazione di strategie di marketing per il settore tecnologico. Prima di intraprendere la carriera in SlimPay, Wassim, ha ricoperto per 13 anni la carica di direttore generale presso INVUS. Prima ancora, ha acquisito esperienze nei campi della consulenza aziendale e dell’investment banking, rispettivamente presso Booz Allen & Hamilton e Goldman Sachs.

I suoi primi mesi in SlimPay non avrebbero potuto essere più impegnativi, tra la messa a punto della risposta alla pandemia da COVID-19 e l’esigenza di acquisire familiarità con il nuovo team, svolgendo ogni attività sempre e solo da remoto. Recentemente abbiamo avuto modo di parlare con Wassim della sua esperienza fino a questo punto: 

Hai avuto il “privilegio” di essere il primo Slimmer in assoluto ad aver completato il processo di onboarding interamente da remoto. Com’è stata questa esperienza?

È stato interessante incontrare così stanti Slimmer in video per la prima volta! Ci sono state innumerevoli conference call che mi hanno permesso di presentarmi al team a livello esecutivo e operativo. Naturalmente sarebbe stato meglio conoscere tutti di persona, ma almeno così ho avuto modo di incontrare i membri del team e anche le loro famiglie. 

In tempi difficili, quando tutti sono costretti a lavorare sotto pressione, si ha davvero modo di apprezzare il reale valore delle persone, identificando anche le aree in cui il leader dovrebbe contribuire maggiormente. Il team ha dato prova di eccezionale calma e solidità nella gestione delle attività, specie in un contesto in rapido mutamento come quello attuale. Posso dire che tutti hanno saputo confrontarsi con le nuove priorità e con la nuova direzione aziendale con grande flessibilità. 

Al di là dei membri del tuo team, sei riuscito anche a instaurare relazioni con altre persone in SlimPay senza essere mai entrato fisicamente in ufficio. Cosa puoi dirmi dell’approccio utilizzato?

Avevo già avuto il sentore che in SlimPay vi fosse una cultura particolare, in cui le persone sono animate da una volontà genuina di aiutarsi reciprocamente. Proprio per questo, ho potuto richiedere l’assistenza dei vari team anche in modo “improvvisato”, senza la necessità di pianificare. 

Ma ho anche privilegiato un approccio collaborativo. In tempi di crisi si tende a puntare tutto sulla velocità, talvolta anche a discapito dell’inclusione. Ecco perché abbiamo sempre cercato di incoraggiare il contributo degli altri Slimmer, dei commercianti e degli investitori su una vasta gamma di tematiche. La business review trimestrale, che si è svolta durante il lockdown, è stata l’esempio per eccellenza di questo approccio; in quel caso abbiamo sollecitato la partecipazione di tutti i team, generando un tasso di soddisfazione dell’85%.

Abbiamo anche tentato di replicare le conversazioni informali da “pausa caffè” con una serie di happy hour virtuali, che per me sono stati l’opportunità ideale per conoscere i colleghi al di fuori del contesto di progetti e scadenze.

La pandemia da COVID-19 ha un impatto notevole su tutti i settori commerciali, anche su quelli dei nostri clienti. Quali iniziative hai intrapreso per gestire i loro timori? 

SlimPay si occupa di riscuotere pagamenti per conto dei clienti, dunque per me era fondamentale assicurare la continuità operativa. Questo era un aspetto prioritario, e siamo riusciti a tenere fede a tale impegno. 

Era importante valutare e gestire il rischio relativo a ciascun commerciante e fornire ai clienti soluzioni personalizzate, senza dunque adottare un approccio conservativo e generalizzato. Il mio background da investitore mi ha aiutato nella definizione della risposta a tali rischi. L’attuale crisi sanitaria ha ripercussioni diverse sulle aziende, e volevo dunque che le soluzioni adottate per i clienti nei diversi settori riflettessero le difficoltà individuali e i rischi associati ai vari mercati finali, allo scopo di fornire un supporto reale durante l’emergenza.

Eccellenza operativa e generazione di valore per il cliente sono caratteristiche centrali in tutte le nostre attività. Così facendo, il cliente ha la certezza di poter sempre contare sul supporto di SlimPay, anche nel lungo termine.

La pandemia ha introdotto notevoli difficoltà anche per i nostri team di marketing e vendite. In che modo hai adattato la strategia aziendale per affrontare le difficoltà attuali? 

Non è la prima volta che mi ritrovo a fare i conti con una crisi economica, ma non mi era mai capitato di doverne affrontare una durante una pandemia. La crisi ha reso necessaria la definizione tempestiva di strategie tese a gestire le nuove priorità e a garantirne l’accettazione da parte del team. Anche in tempi di crisi, lo stile di leadership è importante almeno quanto le decisioni in sé. 

Era importante fare tutto il possibile affinché commercianti e partner avessero a disposizione il sostegno di cui avevano bisogno. I nostri consulenti di vendita e Sales Development Representative (SDR) hanno contribuito alle attività di account management, garantendo un’erogazione fluida della nostra soluzione in qualsiasi punto di utilizzo. Abbiamo anche rinnovato la nostra strategia di marketing, privilegiando l’outbound marketing e lasciando spazio a contenuti che fossero pertinenti per i commercianti in momenti di difficoltà.

Grazie a una mentalità positiva e sempre orientata agli obiettivi, siamo riusciti a massimizzare l’allineamento e a intraprendere azioni decisive per tutelare il nostro business e sostenere la crescita. Mi riempie di orgoglio ripensare a tutto l’impegno con cui il team ha saputo affrontare questo periodo così intenso. Grazie a tutti per la vostra straordinaria dedizione!

Nonostante le difficoltà innescate dalla pandemia, abbiamo constatato la nascita di trend positivi sul fronte della digitalizzazione e delle abitudini di consumo. Cosa pensi avrà in serbo il futuro dei pagamenti, e cosa sta facendo SlimPay per far fronte a tali esigenze?

Per i commercianti, la crisi ha accelerato la necessità di puntare su digitalizzazione e automazione, sia per la vendita di prodotti e servizi che per la gestione di processi interni. In SlimPay, il pagamento è considerato un mezzo destinato ad aiutare il cliente a gestire al meglio tali esigenze, permettendo ai commercianti di offrire un’esperienza di acquisto fluida e tutelare al tempo stesso la propria attività. Possiamo contare sugli strumenti digitali e sul giusto mix di servizi di pagamento per supportare il cliente in qualsiasi scenario, poiché le nostre attività sono sempre state finalizzate alla risoluzione di problemi, non alla promozione di prodotti. I commercianti desiderano offrire un’esperienza di pagamento sicura e priva di problemi, e noi proponiamo soluzioni innovative in grado di esaudire tale richiesta. E intendiamo continuare a farlo, soprattutto nel nuovo anno.

Benvenuto in SlimPay, Wassim! Siamo lieti di averti nel nostro team. 

Siamo alla ricerca di nuovi talenti per i team di vendite, partnership e marketing. Guarda le nostre offerte di lavoro!

This post is also available in: English Français Español

Consent management powered by Real Cookie Banner